World Wide Open: il vincitore è teramano

Quest’anno l’associazione sportivo culturale “Interamnia World Cup” e l’Università degli Studi di Teramo, hanno istituto il 1° World Wide Open: un premio internazionale di videomaking. Il premio, dedicato alla memoria di Antonio Forlini, uno dei fondatori della Coppa Interamnia, vede la partecipazione di 14 nazioni in rappresentanza di 5 continenti.

I temi

Questo contest è stato ideato in collegamento all’Interamnia World Cup, il torneo di hand ball giovanile che ormai da 45 anni si svolge nella città di Teramo. Nel tempo l’evento è divenuto di rilevante importanza, tanto che nel 2002, dalla Federazione Internazionale di Hand ball, è stato designato come “il torneo di pallamano giovanile più importante del mondo”.

I video partecipanti hanno tutti un’argomento comune: il valore dello sport come momento formativo ed educativo, ma anche la sua importanza in eventi sportivi locali. Così facendo si pone l’attenzione e si mette in luce la rilevanza sociale del prulinguismo e del pluriculturalismo, tratto distintivo dell’Interamnia World Cup.

I partecipanti

Il Premio ha visto la partecipazione di due categorie di iscritti: i dilettanti e i professionisti.

 Nella prima categoria sono inclusi tutti coloro che con strumenti amatoriali, quali cellulari o fotocamere, riusciranno a realizzare un video storytelling della settimana di svolgimento del torneo.

Mentre la categoria nella categoria dei professionisti vi sono videomaker e reporter che realizzeranno lavori su uno dei temi proposti nel bando.

Rappresentanti della Coppa Interamnia, rappresentanti dell’Università degli Studi di Teramo e professionisti del settore, hanno costituito la giuria che ha decretato il vincitore della prima edizione del Premio .

I vincitori

Dopo aver preso in esame i sedici video in concorso, la giuria composta da : Christian Corsi, docente dell’Università degli Studi di Teramo; Antonio D’Amore, giornalista; Italo Canaletti, presidente provinciale del CONI; Antonio D’Orazio, videomaker; Massimiliano Verdino, fotogiornalista; Danilo Furia, graphic designer e Carla Dragoni dell’Interamnia World Cup, ha decretato i vincitori della prima edizione del premio World Wide Open. È spettato a Sergio Pipitone, responsabile dell’area comunicazione della Fondazione dell’Università degli Studi di Teramo, il ruolo di segretario del Premio.

La categoria professionisti ha visto trionfare con il video “Coppa Interamnia” un teramano, Angelo Ciunci. “Per la sua completezza ma anche per l’accuratezza dell’aspetto tecnico. Un racconto attento dell’Interamnia World Cup supportato da una regia ben definita e curata in ogni singolo dettaglio”. Questa la motivazione della giuria, che ha deciso di privilegiare le emozioni che i prodotti in gara hanno suscitato in loro, più che l’aspetto tecnico.

È “La nostra esperienza alla 45° Interamnia World Cup”, realizzato da Marina Zhurova, direttamente dalla Russia, ad aver vinto la sezione dilettanti. “Per essere riuscita a trasmettere le emozioni dei protagonisti dell’Interamnia World Cup, rispecchiando l’energia degli atleti, grazie all’utilizzo di un linguaggio audiovisivo semplice ma diretto”.

I produttori dei video vincitori saranno premiati durante una cerimonia nell’ambito dello svolgimento della Coppa 2018; saranno proiettate anche le migliori opere del 1° World Wide Open. Inoltre Ciunci riceverò un premio di 1000, per aver vinto tra i professionisti; mentre Marina Zhurova verrà ospitata alla prossima Interamnia World Cup in veste di vincitrice della sezione dilettanti.

Ci auguriamo che questa nuova manifestazione, nei prossimi anni, diventi un appuntamento fisso durante i mesi che precedono il torneo.

Da poco, sempre nella nostra Teramo, si è conclusa la seconda edizione del festival di teatro sperimentale RED.

Condividi: