Pericoli dei social media: quali sono e come affrontarli

L’uso dei social media ci mette a contatto con un mondo a se, con le sue regole e i suoi pericoli. Conoscere le caratteristiche e le conseguenze sociali dell’utilizzo di questi mezzi può aiutarci a comprendere gli aspetti negativi che si nascono dietro i social. Leggi quest’articolo per conoscere i pericoli dei social media e capire come affrontarli.

E’ vero, probabilmente i social media sono uno strumento incredibile. Grazie a questi manteniamo e creiamo relazioni da una all’altra parte del mondo e le informazioni viaggiano alla velocità della luce. Ma queste informazioni chi le scrive? Come vengono condivise? Saprai che spesso vengono diffuse anche informazioni “non ufficiali” oppure opinioni “personalizzate”, basate su una mancanza di criticità o coscienza sociale. I social sono mondi virtuali senza filtro, dove tutti possono esprimere opinioni o creare false informazioni. I pericoli dei social media sono dietro l’angolo o come possiamo dire adesso “dietro a un post”. Per questo chi lavora nel settore della comunicazione dovrebbe conoscere le insidie che si nascondono nei social media, oltre che alle positive potenzialità.

Non è tutto oro quel che luccica!

Pensiamo spesso alla volontà dei giovani di voler ottenere la popolarità nei social network, accendendo i riflettori sulla propria vita privata. Chi si immedesima in blogger o influencer non fa altro che seguire uno stile di vita altrui. Ma è vero ciò che vediamo? Cosa si cela dietro allo schermo dei beniamini dei social?

Tra Facebook, Instagram e Snapchat, anche tu puoi brillare come una stella, apparire bellissimo/a, senza “nessun difetto”. Puoi addirittura dire di essere alle Hawaii senza aver mai visto o sfiorato l’acqua dell’oceano! L’emotività generata dai social network porta, non solo i giovani, ma la maggior parte delle persone a voler partecipare alla condivisione delle informazioni. Possiamo quasi pensare che il mondo ci dica: “Non sei su Facebook? Allora non sei nessuno”. Così, si è presenti costantemente online e siamo li per mettere il “mi piace”, commentare post o comunicazioni più o meno ufficiali. Si partecipa così alla diffusione di informazioni, spesso private, personali, che vengono “messe all’asta”, alla portata e bocca di tutti. Spesso, per la condivisione di post personali, si è alla ricerca del consenso dei nostri amici su Facebook o su qualsiasi altro social media.

Per te che magari guardi queste dinamiche da un punto di vista responsabile o professionale, puoi immaginare che la diffusione costante di informazioni sui social media genera il fenomeno del sovraccarico informativo. Si rimane così a fissare lo schermo del nostro smartphone, senza renderci conto che stiamo perdendo del tempo prezioso, che invece potremmo utilizzare per qualcosa di più utile per la nostra crescita personale o anche di più creativo per la nostra vita!

5 pericoli dei social media

1. Perdita di contatto con il mondo reale

Con i tuoi profili sui social hai una seconda vita e “l’arte dell’incontro”,come direbbero alcuni filosofi, si sta perdendo quasi completamente. La spontaneità del rapportarsi mentre ci si guarda negli occhi. La perdita del rapporto face-to-face, che riguarda far trasparire le proprie emozioni tramite lo sguardo e la comunicazione non verbale, sta diminuendo la possibilità di creare rapporti caldi e diretti.

2. Rendere vero ciò che è falso

Riuscirai ad assumere una capacità critica di fronte a tutte le informazioni che visualizzerai? Da quali fonti arrivano? Difficile pensare di riuscire a non essere minimamente influenzati o avere la capacità di scindere il vero dal falso mentre, da dietro uno schermo, guaderai cose pubblicate da dietro un altro schermo. Scusa il gioco di parole!

3. Cyberbullismo

Alcuni utilizzeranno i social media per intimorire, molestare, mettere in imbarazzo, far sentire a disagio o escludere altre persone. Sei stato mai offeso online, con false dichiarazioni pubbliche sulla tua persona? Sei sicuro di poter controllare la libera circolazione di queste informazioni? Pensa al pericolo per i più giovani. Potrebbero essere tuoi figli!

4. Crea dipendenza

L’assuefazione dai social media riguarda anche l’ansia sociale che potremmo avere nel voler comunicare insistentemente con gli altri. Nella mente di molti infatti, non mettere mi piace, commentare o pubblicare post potrebbe significare perdere il “controllo sul mondo”! Questa condizione riguarda soprattutto i giovani, ma in Italia si registra un netto aumento anche tra gli adulti.

5. Perdita della privacy

Siamo quasi costretti ad inserire delle informazioni personali per testimoniare la nostra “veridicità”. Non solo i nostri dati vagheranno nella rete, mettendoci a nudo di fronte a profili sconosciuti, ma diventeranno di proprietà delle aziende che gestiscono i social media. Conseguentemente questi dati potrebbero essere venduti a sistemi governativi o ad aziende multinazionali. Questi volumi di dati, conosciuti come Big Data, potrebbero essere utilizzati anche come controllo sociale.

Le soluzioni per affrontare i pericoli dei social media

La mia intenzione non era quella di metterti ansia, era solo quella di fare luce riguardo i pericoli dei social media! Adesso possiamo pensare alle soluzioni operative per gestire al meglio la nostra presenza sui social:

  • Dedicare tempo ben preciso e limitato alla lettura delle e-mail, dei social network e dei feed informativi a cui siamo abbonati;
  • Limitare al massimo le interruzioni ad opera di chat, skype e messaggistica varia;
  • Selezionare il più possibile le fonti informative, eliminando quelle che trattano argomenti già sviscerati da altri e dando la precedenza a quelle più autorevoli e che già operano una funzione di filtro.

E tu? come utilizzi i social media?

Spero di averti aiutato a comprendere i pericoli dei social media. Magari la prossima volta che entrerai all’interno del tuo social preferito agirai coscientemente e responsabilmente.

Se adesso vuoi conoscere gli aspetti positivi del web, ti consiglio di leggere questo articolo.

Alla prossima 😉

Condividi: