Semiotica: come superare l’esame e conservarla nel cuore

La Semiotica va vissuta come una esperienza formativa, di crescita personale, aggregazione, immersione in un lato nascosto della comunicazione. Un esperto in comunicazione ha due skills fondamentali: analisi e osservazione. Questo corso ti aiuterà a potenziarle e a scoprire alcuni dei segreti profondi della comunicazione.

Cos’è la Semiotica?

La Semiotica è la scienza che studia i segni, la loro produzione, trasmissione e interpretazione. In pratica una metodologia di analisi che si occupa di studiare un testo: con questa parola possiamo indicare un testo scritto, una comunicazione orale o visiva, un testo sonoro, un qualsiasi oggetto che può essere analizzato.

Alla base di questa disciplina troviamo la linguistica. La lingua è un insieme di valori, cioè un sistema di elementi che intrattengono relazioni, e questa disciplina si occupa di smontare questa analisi per trovare l’organizzazione formale del nostro oggetto di studio.

Cosa viene trattato in aula?

Il corso di Semiotica inizia presentando le teorie di due linguisti, F. de Saussure e M. T. Hjelmslev, che costituiscono la base di questa disciplina.

Se inizialmente la semiotica attinge dalla linguistica, in un secondo momento se ne distacca e cerca di analizzare tutti i tipi di testo con i quattro più importanti semiologi del ‘900:

  • Algirdas J. Greimas: mette appunto il quadrato semiotico, una teoria articolata per analizzare testi;
  • Roland Barthes: cerca di smascherare i significati ideologici che si nascondono dietro ai testi (” La società borghese tende a far passare come naturale ciò che è essenzialmente culturale”);
  • Umberto Eco: riflette sulla comunicazione da un punto di vista più filosofico;
  • Jurij M. Lotman: è il fondatore della semiotica della cultura, che produce e conserva l’informazione.

Con questo percorso la materia vuole illustrare lo studio della disciplina durante l’arco del XX secolo, in modo da formare una base che sarà poi approfondita nel corso di Semiotics of Consumption and Advertising della laurea magistrale in Management and Business Communication. Se vuoi saperne di più di questo corso di laurea specialistica, ti invito a leggere l’articolo “Management………”

Come superare l’esame?

Secondo la mia esperienza, ciò che importa veramente per questa disciplina come per altre non è la quantità di studio, ma la qualità. Quindi vediamo insieme qualche dritta per rimanere al passo, concentrandosi su un lavoro di qualità:

  1. Frequenta: le lezioni sono piacevoli, chiare e aperte al dibattito. Oltre alla spiegazione hai la possibilità di confrontarti, chiedere aiuto e fare esercitazioni.
  2. Massima concentrazione: proprio per questo cerca di rimanere concentrato a lezione e il percorso sarà in discesa.
  3. Collegati alla piattaforma E-learning: troverai materiale video, slide ed esercitazioni che ti daranno una grande mano per preparati.
  4. Prendi appunti: il libro di testo, integrato con i tuoi appunti, e il materiale fornito dal professore saranno il massimo per la tua preparazione.
  5. Fai i parziali: imparare a studiare passo dopo passo ti alleggerirà di molto il carico di studio finale.

In sostanza non preparare questo esame in un mese di “isolamento” dal mondo. Sfrutta ogni occasione offerta all’interno di un clima disponibile e amichevole per puntare a prendere il massimo: si perché prendere 30 e Lode è possibile! Con impegno, costanza e un pizzico di curiosità in più.

In conclusione: un esame, un viaggio.

Cosa posso dire: una novità immersa nella novità.

Il corso di semiotica mi ha insegnato ad analizzare un “testo” a livello più profondo, facendomi scoprire alcuni nuovi strati della comunicazione. Ha stravolto alcune mie certezze, ma ha creato una consapevolezza di base maggiore verso l’analisi.

Sicuramente un percorso sempre costruttivo e mai critico, ammetto alcune volte anche un po’ criptico, verso i segreti profondi della comunicazione, ma affascinante.

Ci tengo a sottolineare la parola profondi perché cadiamo troppo spesso nell’accezione negativa di “comunicazione” riducendola, soprattutto oggi nel 2017, ad uno scambio impersonale e freddo di informazioni attraverso un mezzo altrettanto freddo (computer, smartphone, tablet…).

Con l’esame di Semiotica impari a capire, fin dalla prima lezione, che è presente un sottobosco di informazioni fondamentale per diventare un vero professionista della comunicazione.

Nel mio caso ho affrontato Semiotica come primo esame universitario ed è stato l’approccio migliore che potessi mai immaginare: semplice, mai banale e costruttivo.

Posso darti un consiglio sincero da studente a studente? Non perderti mai una lezione, perché ne sentirai la mancanza; cerca di fare domande e prendi le esercitazioni come momenti per rafforzare la materia e le amicizie: questo corso ti rimarrà nel cuore.

Scopri perché iscriversi a Scienze della Comunicazione

 

Condividi: