Difesa delle donne: Time’s Up Movement

La difesa delle donne è diventato uno dei temi più importanti degli ultimi anni. Ora ti chiederai come mai sia un uomo a scrivere quest’articolo e avresti dannatamente ragione. Credo, per citare qualcuno, che il vero punto di inizio nella difesa delle donne sia educare e cambiare, per primi, noi uomini. 

Ciò che ho trovato interessante negli ultimi tempi riguarda il Time’s Up Now movement. Se non lo conosci, è un movimento che vuole cambiare la condizione della donna partendo dalle donne dello spettacolo che sono state recentemente coinvolte nello scandalo sugli abusi.

Ciò che mi ha colpito di più, oltre il loro operato e le loro campagne, è sicuramente il loro sito. In particolare la sezione che credo sia rivolta a tutti quelli che leggono questo articolo, a me che scrivo. In pratica a te che stai per incidere queste parole nella tua mente.

Cosa puoi fare.

#1 Non essere parte del problema. Per cominciare, non molestare nessuno.

Ecco per cominciare basterebbe non molestare nessuno. Se in questo momento hai pensato “Facile a dirsi” già stai sbagliando. Non si tratta di educare qualcun altro a non molestare ma te stesso e tu trasmetterai questa consapevolezza ad altri. Perché il modo più facile per fermare una molestia è, che in principio, non ci sia nessun molestatore. Cambiare noi stessi è il primo passo per cambiare ciò che ci circonda ed è facile quando lo vuoi davvero.

#2 Se qualcuno ti racconta della molestia, credile.

Una volta mi è capitato di intervistare una donna molestata, non farò il suo nome per rispetto e perché voglio che la immagini come tua sorella, tua madre o te stessa. Mi ha colpito la sua frase “Il fatto che non mi credessero mi ha fatto sentire di nuovo molestata”. Quando qualcuno viene da noi e ci racconta una molestia dobbiamo crederle. Ti chiedi mai quanto sia difficile raccontare qualcosa del genere? Quando qualcuno vuole parlare con noi la prima cosa da fare è sempre ascoltarlo.

#3 Se conosci qualcuno che è stato molestato connettilo con le risorse che possono aiutarlo.

Ora che hai ascoltato, dai gli strumenti affinché possa aiutarsi ed essere aiutata. L’ignoranza è il male che affligge la difesa delle donne. Un uomo che ignora l’importanza di una donna, una donna che ignora i propri diritti e le risorse a cui può attingere e le persone che ignorano il problema. Noi dovremmo smetterla di parlare di difesa delle donne ma dovremmo parlare di cultura della donna. Diamo a noi stessi gli strumenti, non per difenderci, ma per conoscerci gli uni con gli altri, di guardarci come l’unica cosa che siamo: esseri umani.

#4 Nella difesa delle donne intervieni!

Sei testimone di una molestia o sei presente durante? Che aspetti? Puoi aiutarla! Se puoi intervieni. Se non puoi affrontare il molestatore aiuta la persona a fuggire da quella situazione. Quando non riesci a fare nessuna di queste cose, puoi comunque aiutare la persona molestata confermando l’accaduto. Insomma non pensare mai di non poter fare niente.

L’indifferenza dà a chi molesta un potere insostenibile che fa del male non solo alla persona coinvolta ma a tutti noi. Quante volte ignori determinati atteggiamenti perché “comuni”? Smettila e agisci!

#5 Muoviti sempre per migliorare il mondo intorno a te.

Le persone intorno a te, l’organizzazione per cui lavori o la tua stessa città rispecchiano il mondo in cui vivi? Se no, chiediti perché questo non accade e fai qualcosa per avvicinarti a questo obiettivo. Ogni cambiamento parte da noi e dalla nostra ambizione.

#6 Riconosci quando il talento è ben distribuito ma le opportunità di lavoro e carriera non lo sono.

Questo credo sia il male vero del nostro secolo. Quante volte hai sentito parlare di “quote rosa”? Ecco io vorrei che le quote rosa non avessero più ragione di esistere. Come? Quando sei a lavoro e non importa chi svolga cosa, ecco, quella per me è uguaglianza ed equità. Guida qualcuno da quei gruppi che sono sotto-rappresentati. Se sei nella posizione di farlo, assumi qualcuno che possa diversificare la prospettiva della tua organizzazione. Il tuo team sarà più forte e il tuo lavoro migliore!

#7 Puoi scegliere con il tuo portafoglio.

Questa penso che sia la cosa più importante per chi come me studia comunicazione. Tu scegli con il tuo portafoglio: quando compri qualcosa, nei tuoi investimenti e nelle donazioni caritatevoli. Spendi o dona a quelle compagnie e organizzazioni che hanno una leadership equa e pari opportunità per tutti. Dai l’esempio usando l’arma più importante del nostro secolo.

#8 Supporta la causa della difesa delle donne.

Per quanto ogni cosa parta da noi e dal nostro impatto sulla società, ogni giorno una donna viene molestata. Ogni giorno, che sia tua madre, tua sorella o te stessa, si deve avere il modo di difendersi da ciò che non siamo riusciti a prevenire. Il time’s up movement ha un suo fondo specifico per la difesa legale ma in Italia ci sono tanti altri modi. Domani, pensando a questo, cosa farai?

 

Lo so che uomo può avere una prospettiva diversa,

ma questo non cambia che su questo blog raccontiamo storie di studentesse incredibili;

leggi di Emanuela, una cittadina attiva e consapevole!

Condividi: