Antonio Masciantonio: studente fumettista del DAMS

Oggi ti presento Antonio Masciantonio, studente e fumettista del DAMS, il corso di laurea in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo. Conosciamolo meglio attraverso una intervista.

Ciao Antonio! Come hai scoperto la tua passione per il disegno?

Ciao! Credo di aver sempre avuto questa passione fin già dalle elementari: mi bastava un’ora buca, un foglio e una scatola di pennarelli per essere il bambino più felice del mondo.

Come sei diventato fumettista?

Sono diventato fumettista facendo parodie a fumetti sui diari di scuola al posto di ascoltare la lezione. Lo so, non è proprio il massimo della disciplina, ma come fermare le proprie passioni e attitudini personali?

In generale di cosa parlano i tuoi fumetti?

Il tema è sempre il cartoon occidentale: tutto ciò che secondo la fisica non può accadere, nei miei fumetti è pane quotidiano.

Come nasce una storia a fumetti?

La realtà rielaborata dalla mia fantasia sono le storie dei miei fumetti. Praticamente il mondo che vorrei ma che non c’è e per questo lo disegno… in questo modo potrò sempre sognare no?

Quanto impieghi per realizzare un fumetto?

Premessa: sono pigro, se un normale fumettista in media impiega almeno una settimana, nel mio caso vi dirò: “tornate l’anno prossimo!”

Sogni futuri del nostro fumettista del DAMS?

Solo tre lettere: “boh!” No, scherzo, voglio lavorare nello spettacolo, in qualsiasi campo.

Perché hai scelto il DAMS a Teramo?

Con la speranza di formarmi in questo ambito anche a livello accademico. Faccio pratica vero, ma la base teorica nell’arte è fondamentale secondo me.

fumetto

 

Se ti piacciono l’arte, la musica, lo spettacolo e il lavoro che c’è dietro questi campi, il DAMS è il corso di studi che fa per te.

Se cerchi altri motivazioni per intraprendere questa strada, leggi anche Corso di laurea DAMS: l’esperienza di Loris Ferrarini

Condividi: